takashi amano

Shop online

        Negozio online 

Login



     Distributore Ufficiale

vimi-logo26

Per offrirti il miglior servizio possibile RareAquaticPlants utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies |Maggiori Informazioni


RAP Forum

RAP Shop
Info
Contacts
Forum
Collaboratori di RAP
English Articles
Siti Amici
Wabikusa
Schede Piante
Articoli Tecnici
Tecniche Riproduzione
Foto Piante
Alghe
RAP Algae
Coltivazione Emersa
Allestimenti
Layout & Manutenzione
Illuminazione
Allevamento Caridine
YouTube Channel
Le News

Share on Facebook

21 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

link del forum dove si parla di questo lavoro

link galleria piante acquatiche emerse

Contenitore: coperchio fondo acquario
Illuminazione: naturale
Filtraggio: --- 
Substrato: terriccio universale, akadama, ketotsuchi, ADA Aquasoil Malaya, Amazonia
Fertilizzazione: fertilizzante in sali per piante ornamentali ed idroponica
CO2: ---
Conduzione: rimbocco con acqua di rete
Valori: pH > 7.50, KH >8, GH >15, NO3 0-20ppm, PO4 0-5ppm, Fe 0-5ppm

Specie vegetali:
Echinodorus sp.
Rotala sp.
Ludwigia sp.
Eleocharis sp.
Marsilea sp.
Bacopa sp.
Hydrocotyle sp.
Ophiopogon japonicus
Crassula sp.
Hemianthus sp.
Hygrophila sp.
Alternanthera sp.
Limnobium laevigatum
Myriophyllum sp.
Polygonum sp.


Introduzione

Con questo articolo voglio mostrare come è semplice coltivare molte specie vegetali acquatiche in emersione con poco dispendio economico e gestionale. Il "vassoio" mostrato in foto è allestito da circa due anni e spesso l'ho utilizzato per "appoggiare" piante che erano in cattive condizioni dopo attacchi di patogeni, come magazzino per avanzi di potature provenienti dalle madri in serra e per far emergere piante di coltivazione sommersa stimolando la fioritura. E' importante sapere che proprio una condizione di coltivazione così spartana e la presenza costante di acqua permette di favorire la ripresa di piante morenti garantendo così il mantenimento di molte specie che sicuramente si perderebbero. Infatti ogni volta che qualche madre presenta dei gravi problemi dovuti ad es. per attacchi fungini (Botrytis sp., Pythium sp., etc.) o patogeni come ragnetto rosso (T. urticae), asporto delle parti più sane (talee, stoloni o cespi) e le posiziono in questo vascone per farle riprendere. Proprio per questi motivi posseggo più vasconi adibiti a tale scopo ma questi servono anche per osservare e documentare una crescita più naturale delle piante offrendo condizioni molto simili ai luoghi di origine. Molti si domanderanno perchè allora non coltivare le piante direttamente in questa modalità; la risposta sta nel fatto che nei vasconi allestiti come descritto le piante crescono poco (con incrementi produttivi molto più bassi rispetto ai sistemi idroponici) proprio perchè vivendo nello stesso contenitore sono in forte competizione fra loro per nutrienti e luce e si inibiscono attraverso la produzione di fitotossine (allelopatia).

16 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

11 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants


Fondo

Il fondo utilizzato è un mix di substrati di vario genere inseriti di volta in volta introducendo anche il contenuto di vasi di piante madri dismesse. All'inizio ho steso dei piccoli strati di Akadama, ADA Malaya, Amazonia e terriccio universale: si tratta sempre di substrati di scarto ottenuti da acquari dismessi e altro. Per questo tipo di realizzazione non è importante la costituzione del fondo in maniera troppo specifica perchè nel tempo le piante, attraverso la formazione di radici e foglie, creeranno una notevole quantità di S.O. (sostanza organica) che decomponendosi fornirà moltissimi nutrienti (nella foto sottostante si nota chiaramente la presenza di lombrichi). E' importante però fornire una piccola base di terriccio per permettere un buon ancoraggio ed evitare il galleggiamento delle piante inserite.

19 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

20 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

Luce

Come è evidente la luce è esclusivamente naturale. Dall'autunno fino a primavera l'irradiazione solare non è molto forte ed è possibile lasciare il vassoio senza alcuna protezione, invece nei mesi estivi è necessario coprirlo a mezz'ombra (al mattino scoperto, dalle 12:00 ombra totale) non tanto per proteggere le piante da ustioni (principalmente Hydrocotyle sp.) ma per evitare un eccessivo surriscaldamento dell'acqua e conseguente rapida evaporazione. In tal senso è fondamentale fare attenzione a non farla asciugare completamente perchè le piante muoiono in pochissime ore senza la possibilità di ripresa.

Filtraggio

Non è presente alcun filtraggio e neanche pompe per permettere il movimento dell'acqua (non sono necessarie).

Fertilizzazione

Si possono introdurre davvero una notevole tipologia di fertilizzanti, da quelli per idroponica (più indicati) a quelli per fiori da giardino, agricoltura in genere, da prato, per piante ornamentali, da orto etc.. Coltivando le piante acquatiche in questo modo e non avendo target produttivi la fertilizzazione non è di fondamentale importanza, serve solo a garantire la presenza costante e minima di tutti gli elementi utili per la vegetazione. Si deve fare solo attenzione a non introdurre troppi macroelementi come N e P perchè inducono una crescita maggiore e di conseguenza una minore resistenza verso patogeni (es. afidi). Una volta che le piante hanno invaso e colonizzato tutto il vascone, la fertilizzazione diventa davvero accessoria perchè la produzione di S.O. è rilevante e permette di garantire un buon supporto di elementi minerali sufficienti a mantenere in vita ed in buone condizioni le piante senza mostrare importanti clorosi.

Anidride Carbonica

Il Carbonio necessario alle piante proviene direttamente dall'atmosfera.

Conduzione

La conduzione è molto semplice e consiste principalmente nel rimboccare l'acqua che evapora e fertilizzare periodicamente (quando necessario). Durante la stagione fredda si effettua una potatura/sfoltimento delle piante morte asportando soprattutto le parti aeree secche o danneggiate. Di solito tutta la parte sommersa di queste piante rimane viva ed in primavera riemetterà moltissimi germogli. Soltanto specie come H. callitrichoides, G. elatinoides e Cryptocoryne sp., faranno notevole difficoltà a svernare, tutte le altre non avranno alcun problema.


particolare infiorescenze R. rotundifolia

18 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

12 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

13 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

14 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare di Ophiopogon japonicus (alla base B. monnieri)

15 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare di Crassula helmsii e Myriophyllum crispatum

17 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare di Echinodorus 'Tanzende Feurfeder', gli stoloni pendenti sono Hydrocotyle tripartita 'Japan'

22 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare di Marsilea quadrifolia

23 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare di Elecharis vivipara (ottenuta tramite l'inserimento in piccoli vasetti Net-pot di piantine avventizie)

24 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare delle infiorescenze di Eleocharis sp. 'Xingu'

25 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants

particolare dei fiori di Hygrophila corymbosa 'Stricta'

26 specie acquatiche coltivate esterno iannella massimo rareaquaticplants


TUTTO L'ARTICOLO IN OGNI SUA PARTE E' DI PROPRIETA' ESCLUSIVA DI MASSIMO IANNELLA, TUTTI I DIRITTI RISERVATI - QUALSIASI USO PARZIALE O TOTALE DOVRA' ESSERE AUTORIZZATO