Per offrirti il miglior servizio possibile RareAquaticPlants utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies |Maggiori Informazioni


RAP Forum


Wabikusa
Realizzazione
Wabikusa gallery
Tipologie
Acquari con Wabikusa
Wabikusa Low Tech
Wabikusa High Tech
Plastic Wabikusa
Wabikusa Stone
Wabikusa Room
GreenWood
Wabikusa NaQ2011

Share on Facebook

1_Machu_picchu 2_Machu_picchu_1 3_Machu_picchu_2

La realizzazione di un acquario con Wabikusa non rappresenta la soluzione solo per l'appassionato alle prime armi ma è anche un'ottima scelta per l'hobbista di livello più alto. Infatti la facilità nel costituire una vasca e quindi realizzare un layout dipende principalmente dal tipo di Wabikusa che viene utilizzato a tale scopo, ma non solo. Come è stato già descritto in questo articolo il substrato dei Wabikusa l'ho realizzato con materiali appositamente studiati in modo da ottenere un supporto che una volta messo in vasca possa soddisfare le esigenze delle piante sostituendo in questo modo un normale buon fondo fertilizzato di uso comune in acquariofilia.

La collocazione diretta in vasca di tutti i tipi di Wabikusa offerti da RareAquaticPlants comporta importanti vantaggi quali:

-assente arresto vegetativo dovuto al taglio delle piante come si usa nel "metodo tradizionale" per eliminare la lana di roccia (Rockwoll-Grodan)

-ambientamento delle piante molto più rapido perchè le radici non vengono recise

-crescita immediata delle piante nei giorni successivi all'introduzione in acquario dei Wabikusa

-le piante non subiscono stress perchè accompagnate anche in vasca dal substrato di coltivazione in cui hanno radicato

-presenza di stabili colonie batteriche decompositrici che contrastano eventuali proliferazioni algali fin dal primo giorno di allestimento

-ottimo controllo delle alghe per la capacità di assorbimento, da parte del composto, dei nutrienti/rifiuti organici 

-elevata capacità di scambio cationico (CEC o CSC) dei substrati utilizzati per il composto

-pH del substrato tra 5.00 e 7.00 (in base alla miscelazione dei componenti)

-ottimale consistenza e composizione del composto per la radicazione che NON si sfalda quando immesso in acqua

-rilascio controllato dei nutrienti da parte del substrato

-attecchimento al 100% perchè i Wabikusa offerti da RareAquaticPlants sono costituiti da piante NON in vitro ma ESCLUSIVAMENTE da talee di piante sane e molto robuste

-quando tagliati a strisce permettono di sostenere il substrato in layout con forte pendenza

-composto fertile e vitale per lungo tempo (la durata dipende direttamente dalla gestione della vasca, non fertilizzando in colonna si esaurisce come qualsiasi altro fondo fertile)

-garanzia di non rovinare alcuna parte della pianta come per esempio accade nei vasetti normali che tra la pulizia dalla lana di roccia e le piantine che si sollevano dopo la piantumazione (nel caso di prati), si ha una perdita di almeno il 50% di steli. Con il Wabikusa tutte le piante presenti su di esso rimangono in vasca e non si perdono garantendo un risultato visibile fin da subito (l'acquario non risulta rado o spoglio).

-L'acquariofilo meno esigente che vorrà realizzare un acquario senza spendere soldi anche per un substrato potrà farlo immettendo in acqua solo Wabikusa (tipologia "mix", "big", e "specie") e magari aggiungendo ghiaino o fondo inerte come quarzo; questa modalità, che viene descritta in questo articolo, è quella che offre un risultato diretto senza troppo impegno e che ci darà un acquario di medio livello e discreta durata per quanto riguarda la fertilità del substrato (accostando comunque una fertilizzazione liquida in colonna)

-L'acquariofilo più esigente invece potrà realizzare un acquario utilizzando Wabikusa "specie", "colors" e Wabikusa "mini", cioè costituiti da una singola pianta e di dimensioni variabili in modo da collocarli più facilmente nei punti desiderati senza essere vincolato da composizioni di più specie già preparate come nei "mix". Praticamente si effettua un'operazione di piantumazione diretta ma senza l'ausilio di pinzette collocando semplicemente i "pezzi" coprendoli sui lati con substrato fertilizzato (es. ADA Aqua Soil NEW Amazonia, Malaya, Africana, Elos Terra Black, Natural Soil, èquo Eden, etc.) in modo da garantire una durata del fondo maggiore rispetto all'utilizzo di solo quarzo o inerti.